L’analista della banca mette la previsione dei prezzi Bitcoin „fino a 318.000 dollari“.

Un dirigente senior di Citi prevede che il Bitcoin potrebbe raggiungere il prezzo a sei cifre nel 2021.

L’aumento del Bitcoin è stato simile all’oro negli anni ’70, ha detto l’esecutivo.

L’ascesa delle valute digitali supportate dallo stato mostra anche un regime mutevole, che supporta la crescita del Bitcoin, ha aggiunto.

Tom Fitzpatrick, amministratore delegato di Citi, ha previsto che il prezzo del Bitcoin potrebbe raggiungere oltre 318.000 dollari nel 2021 come da una nota ai clienti istituzionali della scorsa settimana. Ha definito la mossa in un ambiente macro incerto e le sue somiglianze con il mercato dell’oro degli anni Settanta.

Per quanto a lungo definito „oro digitale“ dai fanatici della crittografia, Bitcoin è stato finora un povero deposito di valore (a causa delle sue infami oscillazioni di prezzo) o mezzo di trasferimento ed è emerso invece come veicolo di trading. Tuttavia, come per Fitzpatrick, un simile scenario è esattamente ciò che fa emergere l’asset come un asset che sostiene un’eventuale „tendenza a lungo termine“.

Utilizzando l’analisi tecnica – previsione dei prezzi futuri degli asset utilizzando esempi passati, similitudini e dati – Fitzpatrick ha messo in evidenza la previsione a sei cifre di Bitcoin se ha seguito una traiettoria simile degli ultimi sette anni.

„Si osserva che l’azione dei prezzi è molto più simmetrica o giù di lì negli ultimi sette anni, formando quello che sembra un canale molto ben definito, che ci dà un movimento di tempo simile all’ultimo rally (nel 2017)“, ha detto, come mostrato nell’immagine qui sotto.

Un dirigente di Citibank ha un obiettivo di prezzo di 318.000 dollari per Bitcoin. Immagine: Citi

Ma l’obiettivo di prezzo di 318.000 dollari non si basa solo sul disegno di linee su un grafico.

Fitzpatrick ha definito Bitcoin il „nuovo oro“ e ha detto che il traballante clima macroeconomico di oggi sta creando lo spazio per una nuova struttura finanziaria, simile allo sfondo della creazione di Bitcoin nel 2008, una delle più grandi recessioni della storia.

Un ambiente monetario che cambia

L’esecutivo di Citibank ha affermato che la politica monetaria negli Stati Uniti è stata storicamente plasmata da due fattori: l’affinità della Federal Reserve a stampare moneta (per proteggere la sua economia) e l’eventuale minore valutazione della sua valuta fiat (chiamata debasing). Questo è accaduto per l’ultima volta negli anni ’70, quando si è verificata la Grande Depressione, prima di quest’anno.

Questo, secondo Fitzpatrick, crea sia una rinnovata domanda di oro sia la sua controparte digitale, la Bitcoin.

„È un bene con un’offerta limitata. Si muove oltre i confini e la sua proprietà è opaca“, ha detto.

Fitzpatrick ha aggiunto che, sebbene la Bitcoin possa essere soggetta a ulteriori vincoli normativi in futuro, è stata una „riserva naturale di denaro“ per evitare proprio questo problema. Nel frattempo, l’ascesa delle valute digitali supportate dallo stato – come lo Yuan digitale cinese – è stato l’ennesima indicazione di un regime finanziario in evoluzione che potrebbe, a sua volta, sostenere l’ascesa del Bitcoin, ha osservato.

Nel frattempo, i circoli di crittografia su Twitter hanno espresso eccitazione per l’obiettivo di prezzo, che avrebbe valutato la rete Bitcoin a un’enorme cifra di 5,8 trilioni di dollari (in crescita rispetto agli attuali 300 miliardi di dollari) alla sua attuale offerta circolante.

NON PERDERE MAI LE NOTIZIE CHE CONTANO DI PIÙ
AZZERARE DIRETTAMENTE NELLA TUA CASELLA DI POSTA IN ARRIVO

Ricevi un riassunto giornaliero con una lista curata di storie da leggere.

I tori Bitcoin sono noti per essere ottimisti. E per una volta, lo sono anche le banche.